Per partecipare alle attività promosse dall’Associazione Libra Mente, NON è necessario essere Soci.

Tutti possono iscriversi tramite il sito internet, o contattando direttamente l’Associazione ai recapiti indicati, per ricevere gratuitamente le newsletter periodiche e tutte le comunicazioni.

Le attività e gli eventi che dovessero comportare un costo di partecipazione, saranno puntualmente indicati nelle presentazioni, con specifico dettaglio delle componenti di spesa.

 

PER ASSOCIARSI

 

Visto l’articolo 8 dello Statuto, il Consiglio Direttivo ha stabilito le seguenti quote associative:

 

Per i Soci Fondatori, i Soci Ordinari e per i Soci Onorari, € 100,00 annuali;

Per i Soci Sostenitori € 10,00 annuali.

 

Si riportano di seguito gli articoli dello Statuto relativi alle caratteristiche, ai diritti e ai doveri dei Soci

 

Art. 6. Possono diventare soci dell'Associazione, tutti coloro che abbiano compiuto il 18° anno di età e che condividendone gli scopi, intendano impegnarsi per la loro realizzazione. L’Associazione esclude la temporaneità della partecipazione alla vita associativa. Il mantenimento della qualifica di socio è subordinato al pagamento della quota associativa annuale nei termini prescritti dall’assemblea. La quota associativa è intrasmissibile e non rivalutabile.

Art. 7. La domanda di ammissione a socio deve essere presentata al Consiglio Direttivo. Il Consiglio deciderà sull'accoglimento o il rigetto dell’ammissione dell’aspirante.

Il rigetto della domanda di iscrizione deve essere comunicato per iscritto all'interessato specificandone i motivi. Avverso il diniego motivato di iscrizione all’associazione espresso dal consiglio, il richiedente può ricorrere all’Assemblea degli aderenti, che devono decidere sull’argomento nella prima riunione convocata. La decisione è inappellabile.

Art. 8. Esistono differenti categorie di soci:

a. soci fondatori, coloro che hanno fondato l’associazione sottoscrivendo l'atto costitutivo;

b. soci ordinari, coloro che condividendo le finalità dell’associazione e operano per il loro raggiungimento secondo le proprie capacità personali e sottoscrivono le quote associative;

c. soci sostenitori: enti, persone giuridiche, associazioni, fondazioni anche senza personalità giuridica e quelle persone fisiche che condividono gli scopi associativi e vogliono sostenerli attraverso un contributo economico, ovvero con una attività professionale di particolare rilievo o con l'attribuzione di beni materiali o immateriali. Non hanno diritto di voto nell’assemblea dei soci, ne godono di elettorato attivo e passivo;

d. soci onorari: quegli enti, persone giuridiche, associazioni, fondazioni anche senza personalità giuridica e quelle persone fisiche indicate dal Consiglio Direttivo, che, per la loro attività, trascorsa e presente, possono contribuire all’affermazione dell'organizzazione ed al suo prestigio. Inoltre possono essere chiamati, quali esperti, a partecipare anche a riunioni di Consiglio Direttivo senza diritto di voto. Non hanno diritto di voto nell’assemblea dei soci, ne godono di elettorato attivo e passivo.

 

Diritti e doveri dei soci

Art. 9. Tra i soci vige una disciplina uniforme del rapporto associativo e delle modalità associative. Tutti i soci ordinari maggiorenni, in regola con il pagamento della quota associativa, hanno uguali diritti: i soci hanno il diritto di essere informati su tutte le attività ed iniziative dell’Associazione, di partecipare con diritto di voto alle assemblee, di essere eletti alle cariche sociali e di svolgere il lavoro comunemente concordato.

Essi hanno, inoltre, il diritto di recedere, con preavviso scritto di almeno 8 giorni, dall’appartenenza all’Associazione.

I soci hanno l’obbligo di rispettare e di far rispettare le norme dello Statuto e degli eventuali regolamenti.

Le prestazioni fornite dagli aderenti sono prevalentemente gratuite, salvo eventuali rimborsi delle spese effettivamente sostenute e autorizzate preventivamente dal Consiglio Direttivo.

Art. 10. La qualità di socio si perde:

a) per decesso;

b) per morosità nel pagamento della quota associativa;

c) dietro presentazione di dimissioni scritte o per recesso volontario ;

d) per esclusione.

Perdono la qualità di socio per esclusione coloro che si rendono colpevoli di atti di indisciplina e/o comportamenti scorretti ripetuti che costituiscono violazione di norme statutarie e/o regolamenti interni; oppure che senza adeguata ragione si mettano in condizione di inattività prolungata.

La perdita di qualità dei soci nei casi a), b) e c) è deliberata dal Consiglio Direttivo, mentre in caso di esclusione, la delibera del Consiglio Direttivo deve essere ratificata da parte della prima Assemblea utile. Contro il provvedimento di esclusione il socio escluso ha 30 giorni di tempo per fare ricorso all’Assemblea.

2019 SPECIAL

Anno dello Slow Tourism

Matera Capitale della Cultura

Casa Manzoni riapre a Milano!

Il Libro sul Comodino

Il libro sul comodino
Il libro sul comodino

News e Info

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti